venerdì 11 dicembre 2009

Torta al cioccolato: pere o ciliegie?


Oggi voglio condividere la ricetta di una torta al cioccolato che ho trovato tempo fa non so dove* e che, come al solito, ho rielaborato secondo il mio gusto e la mia esperienza.

La ricetta "originale" prevede l'uso delle pere, ma ho con successo sperimentato, in occasione del compleanno della mia amica Carla, una versione estiva con le ciliegie. 

Tutti si sono leccati i baffi, come si suol dire, quindi mi fido e ve la affido...


200 g di cioccolato fondente
200 g di zucchero a velo
100 g di burro
4 tuorli + 4 albumi
1 cucchiaio da minestra colmo di fecola o farina bianca
½ cucchiaino da caffè di lievito per dolci in polvere
la buccia grattugiata di mezza arancia - o di mezzo limone nella versione con ciliegie
1 pera piuttosto soda, ma matura - o un generosa manciata di ciliegie sode e con il loro picciolo ben attaccato
q.b. cacao amaro e farina bianca
 
Per cominciare scaldare il forno a 180°, quindi imburrare una tortiera (meglio del tipo apribile) e cospargerla con farina bianca e cacao amaro in parti uguali. 

Sbucciare la pera e tagliarla a dadini e cospargerli di farina bianca affinché si asciughino un pochino e non finiscano tutti sul fondo della torta. Grattugiare la buccia d'arancia. 

In una ciotola piuttosto capiente sbattere i tuorli d'uovo e lo zucchero con una frusta, quindi unire la buccia d'arancia. 

Nel frattempo far sciogliere a bagno-maria il cioccolato ridotto a piccoli pezzi con il burro, quindi mescolare energicamente e unire all'impasto. 

Montare gli albumi a neve (ben freddi e con un pizzico di sale per favorire l'operazione). 

Unire all'impasto la fecola (o farina) mescolata al lievito, poi gli albumi, mescolare delicatamente dall'alto verso il basso e, per ultimi, unire i dadini di pera. 

Versare delicatamente il composto nella tortiera e cuocere a 180° per circa 30 minuti, quindi abbassare drasticamente la temperatura a 100° e cuocere altri 10 minuti. 

Attendere che la torta si raffreddi un pochino prima di toglierla dallo stampo.

Torniamo ora alla versione estiva: cancellate la parte che riguarda i dadini di pera, sostituite la buccia di arancia con quella di limone e arrivate alla torta appena versata nella tortiera... bene, in quel momento "affogate" le ciliegie intere nell'impasto mantenendo una distanza regolare tra un frutto e l'altro facendo in modo che i gambi rimangano ben eretti e sporgenti dall'impasto (non si bruceranno, non preoccupatevi!), quindi procedete a infornare e cuocere come sopra.

Una volta raffreddata cospargete la torta di cacao amaro fatto scendere da un colino a maglie fittissime.


Sia per una che per l'altra versione: questa è una torta un po' particolare, ovvero la superficie si sbriciola, conferendole un aspetto un po' disordinato e... informale. A me piace molto, ma mi rendo conto che, a una prima occhiata, potrebbe sembrare un po' strana. Beh, assaggiatela e fatemi sapere.

* se qualcuno ne vuol rivendicare la paternità mi scriva: sarà mia cura citarlo 

 

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati, quindi mi affido alla vostra capacità di essere gentili ed educati :-)
Se lo desiderate, potete anche mandarmi un messaggio privato. L'indirizzo lo trovate in alto a destra, sulla home page