venerdì 11 dicembre 2009

Seppioline piccanti con la fregula


70 g di fregula a testa
seppioline freschissime (che è meglio pulire a casa)
passata di pomodoro
peperoncino, olio extravergine di oliva, aglio
pochissimo sale
vino bianco
qualche fettina di pane casereccio


Aprire delicatamente le seppioline, togliere solo l'osso, la sacca dell'inchiostro (che se rimane bene intatta vale la pena di conservare e usare un'altra volta) e poi il becco. 

Mettere da parte  "fegato", gonadi ed eventuali uova e sciacquare molto velocemente il resto sotto l'acqua corrente, quindi fare in tutto a pezzetti irregolari (tentacoli compresi). 

Porre sul fuoco una pentola d'acqua per la fregula (avendo cura di unire anche un mezzo cucchiaio d'olio di oliva e una piccola manciata di sale grosso). 

In un pentolino a bordi alti far scaldare un po' di olio d'oliva con uno spicchio d'aglio tritato molto finemente (oppure tenuto intero, se si preferisce un sapore un po' meno deciso), un paio di peperoncini secchi interi (oppure una generosa spolverata di peperoncino in polvere), pochissimo sale. 

A questo punto unire le seppie, insieme alle loro interiora e farle saltare velocemente, bagnare con pochissimo vino bianco, far evaporare e quindi unire la passata di pomodoro e lasciare sul fornello più piccolo con il fuoco al minimo. 

Nel frattempo buttare la fregula nell'acqua e farla cuocere per circa 15 minuti (deve essere scolata "al dente"). Al momento giusto scolarla e unirla al sugo di seppie e pomodoro, che dovrà essere abbastanza liquido, per insaporire bene la fregula. 

Lasciar cuocere circa 5 minuti tutto insieme, quindi servire in ciotole, disponendo sul bordo di ognuna un paio di fettine di pane casereccio leggermente strofinato con aglio e abbrustolito.

2 commenti:

  1. mmm, sembra buonissima, ma se non si trovasse la fregula con cosa si potrebbe sostituire? Io vivo in Spagna e qui non si trova...

    RispondiElimina
  2. @Anonimo: Mmmmmhhh, in effetti la fregula qui pare indispensabile, purtroppo. Forse potresti provare a sostituirla con qualche tipo di pasta piuttosto piccola, ma l'importante è che sia ruvida e porosa, altrimenti il gioco non riesce. Altrimenti puoi provare a farti la fregula in casa... Io non l'ho mai fatto, ma mi dicono non sia tanto complicato; in ogni caso qui c'è un link con la ricetta: http://sardegna.cucinaregionale.net/ricette/primi/fregola-–-ricetta-base-fregula.html
    L'ultima opzione, secondo me la migliore, è questa: vieni presto a trovarci in Sardegna e fai una bella scorta! ;-)

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati, quindi mi affido alla vostra capacità di essere gentili ed educati :-)
Se lo desiderate, potete anche mandarmi un messaggio privato. L'indirizzo lo trovate in alto a destra, sulla home page