lunedì 21 dicembre 2009

Torta Pleyel


Ho appena scoperto che la torta al cioccolato che preparo da almeno vent'anni, della quale ho copiato la ricetta non so da dove diffondendola poi tra tutte le amiche golose, altro non era che una codificata creazione del celebre M. Robert Linxe, maitre chocolatier

Bene: con tutto il rispetto che merita chi riesce a fare del cioccolato un capolavoro e con il capo cosparso di cenere per espiare la mia ignoranza, pubblico la ricetta di una torta al cioccolato chiamata Pleyel.


170 g di cioccolato fondente amaro
150 g di burro
4 tuorli + 4 albumi
180 g di zucchero a velo
65 g di mandorle finemente tritate
80 g di farina 00
estratto di vaniglia

Grattugiare o rompere con un coltello il cioccolato in piccoli pezzi e farlo sciogliere con il burro in un bagno-maria leggero (a fuoco basso) mescolando continuamente e delicatamente con una frusta. 

Mantenendo il composto sul fuoco aggiungere i tuorli uno alla volta, avendo cura di far amalgamare bene il primo prima di aggiungere il secondo e così via. 

Unire poi lo zucchero a velo e le mandorle tritate finemente e continuare a mescolare con la frusta. 

Togliere il recipiente dal fuoco e incorporare la farina facendola cadere da un setaccio, unire anche l’aroma di vaniglia e, per ultimi, gli albumi montati a neve ben soda. 

Mescolare brevemente (fino a completo assorbimento degli albumi) dall’alto in basso, sempre con la frusta. 

Versare poi il composto in una tortiera di non più di 22 cm di diametro imburrata e infarinata e porre a cuocere in forno già caldo a 200° per 10 minuti e, di seguito, senza aprire lo sportello, a 180° per altri 15 minuti. 

La superficie della torta risulterà irregolare e il suo interno morbido e avvolgente; va servita abbondantemente cosparsa di cacao amaro fatto cadere da un setaccino.

Piccolo trucco: se non avete lo zucchero a velo lo potete facilmente ricavare passando del semplice zucchero semolato in un tritatutto elettrico azionato alla massima velocità. Allo stesso modo potete tritare in casa le mandorle, ma ricordando di unire un cucchiaino di zucchero, altrimenti, a causa del loro olio, rischiano di appiccicarsi irrimediabilmente. L'ideale, a questo punto, è tritare insieme mandorle e zucchero utili per la ricetta. Inoltre: gli albumi si montano meglio se si aggiunge un pizzichino di sale e se si fa funzionare la frusta elettrica da subito alla massima velocità.

4 commenti:

  1. Qui si passa alle meraviglie dolciarie, questa ricetta fa sbavare al solo leggerla, chissà quanta pratica ci vorrà per farla uscire commestibile. Domani mi butto e poi si vedrà, grazie comunque, bye

    RispondiElimina
  2. Ho sbagliato qualcosa.... Si è tutta sbriciolata e anche al sapore risulta molto secca. Che faccio?? Riprovo o cambio torta?? (o faccio due uova sode...)

    RispondiElimina
  3. Le torte sono un invito a delinquere, orata sei una tentatrice ma io non mi arrendo: ne faccio 2
    Ah ah ah

    RispondiElimina
  4. @Agos Tina: questa torta è facilissima, ti assicuro (non corri nemmeno il rischio che non lieviti...)!!
    @Tapioca67: mi dispiace che non ti sia riuscita al primo colpo... Sei certa di aver regolato bene la temperatura del forno? O forse hai usato del cioccolato con un'eccessiva percentuale di cacao (75% e più); ottimo da gustare "da solo", ma non per i dolci...

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati, quindi mi affido alla vostra capacità di essere gentili ed educati :-)
Se lo desiderate, potete anche mandarmi un messaggio privato. L'indirizzo lo trovate in alto a destra, sulla home page