giovedì 27 maggio 2010

Ratatouille en pâte brisée




Va bene, la dieta è ufficialmente finita. Lo sapevo che non poteva durare!

Quindi a pranzo un bella ratatouille, anzi no una torta salata, anzi no... Anzi, facciamo così, mettiamo una ratatouille (semplificata) dentro un guscio di pasta brisée e vediamo cosa succede. 



Gli ingredienti ci sono tutti, tanto vale sporcarsi le mani.

Per la pasta:
200 g di farina
100 g di burro
50 g di acqua fredda
un pizzico di sale

Setacciare la farina e versarla sul piano di lavoro formando una fontana, inserire al centro il burro morbido a pezzetti molto piccoli, quindi impastare con le dita per ottenere un insieme bricioloso. 

Sciogliere il sale nell’acqua mescolando bene finché non sia completamente sciolto, quindi unire l’acqua salata piano piano al composto di burro e farina e impastare delicatamente fino a che la pasta non prenda una consistenza elastica. 

A quel punto formare una palla, chiuderla in un foglio di pellicola trasparente e farla riposare in frigorifero per circa un’ora.

Trascorso questo tempo (durante il quale si può preparare la ratatouille) ritagliare un disco di misura adeguata alla tortiera dal rotolo della carta da forno, bagnarlo, strizzarlo e ridistenderlo. 

Stendervi sopra la pasta con il matterello, quindi inserire il tutto nella tortiera, bucherellare il fondo con una forchetta e modellare i bordi arrotolandoli leggermente.

Per la ratatouille:
zucchina
melanzana
cipolla
pomodori freschi
pomodori secchi
olio, peperoncino, aglio
alcune foglie di basilico, timo, menta freschi
sale

Mondare tutte le verdure. Ridurre la melanzana a dadini piccolissimi, disporli in un colino cosparsi di sale e lasciarli a perdere acqua. 
Affettare sottilissimamente la zucchina  con l’aiuto di una mandolina. Tagliare i pomodori freschi a cubotti e lasciarli scolare, dopo aver tolto la maggior parte dei semi.

Tritare finemente la cipolla e l’aglio con l’apposito attrezzo o con una grattugia a denti larghi, quindi farli velocemente soffriggere in olio extravergine con un pizzico di peperoncino e le erbe aromatiche tritate finemente, ma senza aggiungere assolutamente sale. 

Sciacquare e strizzare le melanzane e unirle alle cipolle, mescolare e cuocere due minuti. 

Unire le zucchine, cuocere altri due minuti, unire i pomodori freschi e cuocere mescolando altri 5 minuti al massimo. 

Aggiungere i pomodori secchi sciacquati e tagliati a striscioline il più sottili possibile e mescolare.

Versare il tutto nel guscio di pasta, livellare, salare (con parsimonia) e cuocere nel forno preriscladato a 180° per circa mezz’ora utilizzando, se possibile, la modalità “ventilato” (dapprima mettere la torta sul ripiano centrale, quindi spostarla 10 minuti sul ripiano più basso e, alla fine, 10 minuti su quello più alto).

Togliere la torta dal forno, attendere qualche minuto e sformarla aiutandosi con la carta da forno.




2 commenti:

I commenti non sono moderati, quindi mi affido alla vostra capacità di essere gentili ed educati :-)
Se lo desiderate, potete anche mandarmi un messaggio privato. L'indirizzo lo trovate in alto a destra, sulla home page