sabato 28 agosto 2010

A cena da Stefania, ovvero la miglior zuppa di pesce in circolazione


L’evento clou dell’estate? Alcuni potrebbero rispondere le stelle cadenti; altri i fuochi d’artificio visti sulla spiaggia; altri ancora la sagra del maialetto arrosto. 

Ma no, avrebbero tutti torto: il vero evento culminante dell’estate è la zuppa di pesce di Stefania. Meravigliosa. 

Oramai da quattro estati ho il privilegio di gustarla e diventa sempre più buona. E lei, con la modestia e la comunicatività che la contraddistinguono, ti snocciola veloce veloce la ricetta. Semplicissima, ovviamente. 

Certo, semplice a leggerla lo è, ma sfido chiunque a metterla in pratica ottenendo il medesimo risultato equilibrato, gustoso, delicato e saporito. Io non ci provo nemmeno; mi siedo alla sempre vitale e allegra tavola di Stefania e aspetto… a cucchiaio spianato!

Misto di pesci da zuppa (gallinelle, bavose, capponi, grongo...)
cozze
polpi piccoli
gamberi o gamberetti
passata di pomodoro
aglio, cipolla
olio extravergine di oliva
vino bianco
basilico fresco, peperoncino intero e in polvere


Pulire accuratamente tutti i pesci, i gusci delle cozze, il polpo e lasciare interi i gamberi.

Appassire in olio la cipolla tritata, diversi spicchi di aglio, foglie di basilico fresco e uno o più peperoncini interi in una pentola capiente; aggiungere subito i pesci interi e spruzzare con un buon vino bianco, facendo ben rosolare. 

Dopo alcuni minuti aggiungere la passata di pomodoro, abbassare il fuoco e cuocere sobbollendo molto dolcemente per circa 3 ore, mescolando di tanto in tanto. 

Trascorso questo tempo unire le cozze, i polpi a pezzettoni e i gamberi interi e cuocere per altri 10, 15 minuti. 
Quando cozze, polpo e gamberi saranno ben cotti “ripescarli” e tenerli da parte. 

A questo punto la parte più delicata: scolare metodicamente i resti dei pesci (saranno ovviamente quasi completamente disfatti) con un colino e, prima di gettarli, pressarli sull’imboccatura della pentola, in modo da ricavare più sugo possibile.

Filtrare ulteriormente il denso brodo così ottenuto, aggiustare di peperoncino in polvere e servirlo caldo con crostini. 

A parte, in un piatto, servire cozze, polpi e gamberi come accompagnamento.
Allora? Semplicissima vero?

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati, quindi mi affido alla vostra capacità di essere gentili ed educati :-)
Se lo desiderate, potete anche mandarmi un messaggio privato. L'indirizzo lo trovate in alto a destra, sulla home page