lunedì 22 novembre 2010

Una lasagna con le erbette (o vedi sotto)


Una mattinata iniziata prestissimo e imbottita di almeno mille incombenze domestiche. Finito tutto a mezzogiorno passato; a quel punto inutile mettersi al lavoro davanti al computer, visto che l’ora di pranzo è troppo vicina… 
Tanto vale impegnare il tempo che rimane preparando qualcosa di buono; vorrà dire che lavorerò questo pomeriggio! 

Visto che nel frigorifero sono stipati un grande mazzo di erbette, una quantità imprecisata di cipollotti e un cesto di pomodori ciliegini profumatissimi (non so come accada, ma qui nell’isola i pomodori profumano anche in novembre…), potrei limitarmi a preparare un bel piatto di verdura cotta.
Ma no, voglio esagerare.

Pasta tipo lasagne (del tipo da cuocere prima di infornare o fatte in casa)
erbette fresche
pomodori ciliegini
prosciutto crudo
passata di pomodoro
cipollotti freschi
formaggio morbido caprino o pecorino fresco
peperoncino in polvere
olio, aceto bianco, sale grosso

Mondare, lavare e cuocere le erbette in una pentola ampia con poca acqua leggermente acidulata e salata; scolarle e tritarle grossolanamente a coltello (gambi compresi, ovviamente).
Preparare un ragù soffriggendo i cipollotti affettati sottilmente in poco olio con una manciata di piccoli dadi di prosciutto crudo e aggiungendo prima i pomodorini a piccoli pezzi e, poco dopo, la passata di pomodoro. 
Insaporire con peperoncino in polvere.

Mentre cuoce il sugo ridurre il formaggio in piccoli pezzi o a striscioline e cuocere le lasagne in abbondante acqua salata. Scolare la pasta al dente e stenderla su un canovaccio pulito.
Togliere il sugo dal fuoco.

Una volta pronti tutti gli ingredienti foderare una pirofila con carta da forno; ungere leggermente quest’ultima con un po’ d’olio e comporre il primo strato di pasta (sovrapponendo leggermente le sfoglie per evitare che il ripieno fuoriesca al momento di servire). 

Ricoprire con le erbette, cospargere di formaggio e di un paio di cucchiaiate di sugo. Deporre il secondo strato di pasta, versare il rimanente sugo e il rimanente formaggio. 

Infornare e cuocere una decina di minuti circa sul piano intermedio del forno e pochi minuti sotto il grill. Portare in tavola nella pirofila stessa.

Se non avete il formaggio caprino o pecorino fresco andrà bene un Asiago o anche una mozzarella, perché no? E se non avete il prosciutto? Bene ugualmente: vorrà dire che il piatto sarà completamente vegetariano.

p.s.
Mi fanno notare che una verdura a foglia, con gambo tendente al rosso, da me definita poco sopra "erbette" qui sull'isola non esiste, o, meglio, non si chiama così. Poiché non è il primo caso di... eteronimia relativo alle verdure in cui incappo, preciserò che la ricetta può essere anche "Una lasagna di bietole". Contenti?


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati, quindi mi affido alla vostra capacità di essere gentili ed educati :-)
Se lo desiderate, potete anche mandarmi un messaggio privato. L'indirizzo lo trovate in alto a destra, sulla home page