lunedì 21 marzo 2011

Minestra con finocchietto e aglio selvatico


Dopo un bel sabato sera passato con gli amici tra gli stand gastronomici ed enologici di una riuscita manifestazione di paese, la domenica è stata assolutamente rilassante e disintossicante. 

Tappeti di margherite, chiese campestri, vestigia romane, aglio selvatico, fiori bianchi, fiori gialli, fiori viola, agnelli, agnelli, agnelli (tutti bianchi), aria pulita, finocchietto tenero tenero, cielo pieno di seppie, cani da pastore, ruscelli, laghetti, rivoli e pozzanghere… 

Niente mare, oggi. 

Questo è l’aspetto più affascinante dell’isola; a pochi chilometri di distanza dal mare, pare che il mare non esista. E la campagna ha moltissimo da offrire, ovviamente. 
E, ovviamente, io sono lì a raccogliere tutto quello che serve per cucinare una bella minestra arricchita con erbe di campo.


Cavolfiore
patate
brodo di verdure
carota, sedano, cipolla
finocchietto selvatico (foglie)
aglio selvatico (steli e fiori)
sale, pepe, olio extravergine di oliva
latte

Sbucciare la patate, mondare il cavolfiore e ridurlo in cimette. 
Mondare una piccola carota, un mezzo gambo di sedano con le foglie, una mezza cipollina bionda.
Pulire gli steli di aglio selvatico e il finocchietto in quantità a piacere.
Tritare finemente con il mixer carota, sedano e cipolla, tutte le patate e metà del cavolfiore, tagliando il resto a pezzetti con il coltello. 
Sminuzzare anche aglio e finocchietto.
Scaldare un poco di olio con un pizzico di sale e poco pepe bianco, unire il trito di verdure e far rosolare brevemente, bagnare con un po' di brodo, cuocere per cinque minuti, quindi versare tutto il rimanente brodo e unire i pezzi di cavolfiore e le erbe di campo. 

Cuocere a fuoco moderato per circa 20, 25 minuti mescolando frequentemente.
A cottura ultimata aggiustare eventualmente di sale, unire un paio di cucchiai di latte fresco, mescolare e servire fumante.

Vi assicuro che il sapore di questa minestra è quanto di più... agreste si possa immaginare. 

Se volete maggiori informazioni sull’aglio selvatico (che io sto “coltivando” con un certo successo anche sul terrazzo), vi rimando a un mio post precedente; per il finocchietto selvatico ecco un link interessante: http://www.agraria.org/coltivazionierbacee/aromatiche/finocchioselvatico.htm

1 commento:

  1. Ma che meraviglia questa descrizione della natura della tua isola! :-D

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati, quindi mi affido alla vostra capacità di essere gentili ed educati :-)
Se lo desiderate, potete anche mandarmi un messaggio privato. L'indirizzo lo trovate in alto a destra, sulla home page