sabato 28 maggio 2011

Crostata con crema alle fragole



Fragole, fragole e ancora fragole!
Dopo la prima produzione di marmellate che è sparita come neve al sole e una seconda che ho invasettato ieri sera, mi sono ritrovata con ancora oltre mezzo chilo di rossi e profumatissimi frutti da smaltire.

La necessità di smaltirli si è fatta pressante poiché domani, ahimé, parto per la metropoli e il frigorifero va svuotato delle cose più facilmente deperibili.
L’unica idea che mi è venuta per far fuori in un colpo solo uova, burro e latte è stata una crostata con crema. Alle fragole, ovviamente.
Pasta frolla: 
250 g di farina 00
125 g di burro morbido
100 g di zucchero bianco
1 uovo
1 pizzico di sale

Crema pasticciera:
210 ml di latte fresco
3 tuorli d’uovo
75 g di zucchero bianco
25 g di farina bianca o Maizena
baccello di vaniglia

Composta di fragole:
fragole fresche
zucchero di canna
succo di limone
 
Inoltre:
fagioli per cuocere il “guscio” di pasta

Preparare per prima la pasta frolla. Estrarre dal frigorifero il burro necessario e lasciare che diventi morbido al tatto. 

Disporre la farina setacciata in una ciotola capiente, unire il burro a piccoli pezzi e lavorarlo con la punta delle dita; unire poi lo zucchero e, per ultimo, l’uovo leggermente battuto con un forchetta e poi un pizzico di sale. 

Lavorare bene il tutto e formare una palla liscia; avvolgerla in pellicola per alimenti e farla riposare in frigorifero per almeno 30 minuti.
Nel frattempo preparare la composta di fragole: mondare e sminuzzare le fragole; riunirle in un pentolino, cospargerle con zucchero di canna e il succo di circa mezzo limone, quindi cuocere a fuoco lentissimo fino a che i frutti non saranno quasi disfatti, ma ancora riconoscibili. 
Lasciar raffreddare.

Scaldare il forno.
Preparare la crema pasticciera. In un pentolino mettere il latte e il baccello di vaniglia, aperto e raschiato con un coltellino, e portare fino al punto di ebollizione, quindi spegnere e lasciar raffreddare. 

Montare con una frusta i tuorli con lo zucchero, unire la farina (o Maizena), continuare a montare, quindi unire anche il latte passandolo attraverso un colino per eliminare eventuali pezzetti di baccello di vaniglia. Lasciar raffreddare mescolando (meglio se con una spatola) di tanto in tanto.

Stendere la pasta frolla. Per praticità è meglio farlo direttamente su un foglio di carta da forno tagliata a misura per la tortiera da utilizzare.
Foderare la tortiera con la carta e la pasta; bucherellare il fondo di pasta, coprire con un secondo foglio di carta da forno e riempire di fagioli secchi. Questo per evitare che la pasta si gonfi in cottura. 

Porre nel forno, sul ripiano centrale; cuocere circa 20 minuti a 180°, quindi estrarre la tortiera, eliminare i fagioli aiutandosi con la carta e rimettere in forno, sempre sul ripiano centrale. Cuocere altri 5/7 minuti.

A cottura ultimata aspettare qualche minuto, quindi sformare il guscio di pasta e lasciarlo raffreddare.

Ultima operazione è il “montaggio” della crostata, da fare quando tutti gli ingredienti sono freddi e… maneggevoli.


Unire le fragole cotte alla crema pasticciera; mescolare bene e versare il tutto dentro il guscio di pasta livellandola con la spatola. Se le fragole dovessero risultare troppo sugose e rischiare così di rendere la crema troppo liquida, è possibile scolarle, facendole riposare per un po’ in un colino dalle maglie fitte. Il sugo raccolto servirà per aromatizzare uno yogurt bianco. 

La crostata va consumata dopo almeno un paio d’ore; tempo necessario perché il guscio di pasta, che da vuoto dovrà risultare piuttosto secco, si ammorbidisca a contatto con la crema alle fragole.


Decorate la torta a piacere: nulla vieta di ricoprirla ulteriormente con uno strato di fettine di fragole fresche. 


2 commenti:

  1. Ma la dieta, che fine ha fatto? Io ci sto provando ma quando leggo queste meraviglie!!

    RispondiElimina
  2. Cara Paola, la carne è debole.. il pesce anche di più a quanto pare ;-)

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati, quindi mi affido alla vostra capacità di essere gentili ed educati :-)
Se lo desiderate, potete anche mandarmi un messaggio privato. L'indirizzo lo trovate in alto a destra, sulla home page