sabato 21 maggio 2011

Marmellata di fragole, finalmente! Ovvero come accontentare un amico di sette anni


Questa ghiottoneria è dedicata a un carissimo giovane amico, grande fan dell’Orata e entusiasta apprendista cuoco, il quale fin dall’estate scorsa aveva una gran voglia di gustare la marmellata di fragole fatta in casa.
.



L’attesa è stata lunga… e vi assicuro che a sette-anni-non-ancora-compiuti tanti mesi così sono davvero tantissimissimi! Però non abbiamo ceduto, non siamo andati a cercare a dicembre delle fragole insipide venute da chissà dove, ma abbiamo imparato che la disponibilità di frutta e ortaggi dipende dalla stagione, dal sole, dalla pioggia, dalla cura di chi coltiva la terra e dalla grandissima fantasia e saggezza della natura!
Ecco quindi la più semplice delle ricette: frutta e zucchero. Niente spezie, essendo una preparazione destinata a un bambino.

Fragole freschissime
zucchero
limone non trattato (buccia e succo)

Mondare le fragole e sminuzzarle con il passaverdura (meglio evitare il frullino elettrico sia perché allunga i tempi di addensamento e sia per lasciare una texture un po’ più… rustica) direttamente in una pentola dal fondo spesso. 

Grattugiare la scorza di un bel limone fresco e aggiungerla alla fragole. Accendere il fuoco, portare a leggera ebollizione, quindi unire lo zucchero e mescolare continuamente fino a che la marmellata non cominci ad addensarsi. A questo punto aggiungere il succo del limone ben filtrato e terminare la cottura.
Versare in vasetti sterilizzati. Chiudere ermeticamente e lasciare raffreddare a testa in giù.
L’ho assaggiata: assolutamente ottima.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati, quindi mi affido alla vostra capacità di essere gentili ed educati :-)
Se lo desiderate, potete anche mandarmi un messaggio privato. L'indirizzo lo trovate in alto a destra, sulla home page