mercoledì 14 settembre 2011

Carote color del tramonto: una torta salata



Ieri le carote del mio ortolano erano particolarmente invitanti, di un colore intenso e luminoso che mi ha ricordato quello dei tramonti che ci sta regalando questa fine estate. 

E sì, perché in questi giorni il gioco è trovare il tramonto più spettacolare e fotografarlo, naturalmente. Poi non è facile scegliere tra tante foto, ma credo che il mio preferito per ora sia questo:

Laguna di Cabras (Oristano)

Tornando alla carote… erano così allegre e fresche che ne ho comprato un mazzo enorme! Sapendo che non sarei mai riuscita a consumarlo fresco ne ho trasformato una parte in una torta salata; infatti non è ancora tempo di minestre e creme di verdure, visto che ci sono 30 gradi!
    
Pasta brisée (fatta in casa con questa ricetta o di buona qualità comperata già pronta)
carote fresche
cipolla bianca
formaggio erborinato di pecora (qui, qui e qui una ricetta con lo stesso formaggio) o gorgonzola cremoso
noci
yogurt
sale, pepe verde


Preriscaldare il forno a 180°. 
Mondare e grattugiare le carote, quindi tritare le cipolle. Sgusciare le noci e sbriciolarle grossolanamente. Tagliare il formaggio a tocchetti.
Unire questi ingredienti in una ciotola, condire con poco sale e pepe verde.
Stendere la pasta brisée e foderare una tortiera. Meglio utilizzare una tortiera apribile già rivestita di carta da forno bagnata e strizzata per farla meglio aderire.
Riempire il guscio di pasta con il misto di carote e formaggio, quindi infornare e cuocere sul ripiano centrale per dieci minuti circa, spostare poi la tortiera sul piano più basso e cuocere altri dieci minuti.
Mescolare lo yogurt con poco sale e poco pepe, estrarre la torta, versarvi lo yogurt e rimetterla a cuocere per altri dieci minuti sul ripiano più alto del forno.
Sfornare, sformare con delicatezza e servire fumante o tiepida.  
     

3 commenti:

  1. Orata, la cosa migliore sarebbe gustare una fetta di questa magnifica torta salata guardando il tramonto che hai fotografato!

    RispondiElimina
  2. Cara Flan (posso chiamarti così?), il fatto è che un nanosecondo dopo aver scattato quella foto sono arrivate le zanzare. A frotte, a sciami, a nuvole! Mangiare anche solo una briciola in quelle condizioni sarebbe stato impossibile.
    Quasi tutte le cose bele nascondono un risvolto... pungente! :-)

    RispondiElimina
  3. Buona e molto originale! Il tramonto è da sogno!
    Ti seguo! A presto!

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati, quindi mi affido alla vostra capacità di essere gentili ed educati :-)
Se lo desiderate, potete anche mandarmi un messaggio privato. L'indirizzo lo trovate in alto a destra, sulla home page