giovedì 8 settembre 2011

Palombo "fusion" con albicocche e capperi

 
Della mia nuova passione per il palombo avete già letto qui e qui
 
Ma la bella signora che ha il banco del pesce al mercato non smette di allettarmi con la sua non vasta, ma piacevole esposizione e quindi anche oggi mi sono portata a casa un chiletto di pesciolini da zuppetta e… due enooormi tranci di palombo. 

Li ho puliti dell’osso centrale, che ho conservato insieme ai pesciolini per aggiungere ulteriore consistenza al brodetto, poi ho tagliato la polpa a cubotti. 
Ispirata da una recente visita al piccolo ristorante marocchino che frequentiamo qui in città, ho voluto provare un accostamento di spezie e frutta secca anche con il pesce. Ne è venuta fuori una ricetta di contaminazione (etnica) abbastanza ben riuscita. 

Polpa di palombo pulita e tagliata a bocconi
cipolla bianca dolce
aceto rosso
uvetta passa
albicocche secche
miele
mix di spezie
capperi sott’aceto
sale, pepe verde
olio di oliva
Affettare sottilmente la cipolla bianca (in quantità a  piacere, visto che, in pratica, sarà il contorno del pesce) e farla riposare in una ciotola coperta di acqua fresca e aceto rosso per circa 20 minuti. 
Immergere l’uvetta e le albicocche in acqua tiepida per una decina di minuti, così da farle rinvenire.

Scolare i capperi dall’aceto.
In una casseruola far scaldare un poco di olio, aromatizzarlo con le spezie, pochissimo sale e un poco di pepe verde. Gettarvi le cipolle, solo parzialmente scolate, e farle stufare dolcemente, cospargerle con il mix di spezie in polvere. Aggiungere i capperi, la frutta secca (scolata molto bene e anche strizzata), un cucchiaino di miele e stufare il tutto dolcemente a coperchio chiuso fino a che le cipolle non saranno molto morbide, ma non disfatte. 

Se occorre aggiungere poca acqua in più riprese.
Togliere le cipolle dalla casseruola; mettere un po’ di olio e i pezzi di pesce. Farli inizialmente saltare, poi cuocerli pochi minuti a fuoco dolce. Unire tutte le cipolle e terminare la cottura. Non ci vorrà molto.      

Lasciar riposare almeno cinque minuti a fuoco spento e coperchio chiuso. Se occorre riscaldare brevissimamente e poi servire.

 

2 commenti:

  1. Orata, questa ricetta fa venire l'acquolina in bocca! Complimenti, non vedo l'ora di provarla!

    RispondiElimina
  2. Curiosissima di sapere qual è il ristorante marocchino... Grzie per la ricetta della pasta brisè, che cercavo. Ti dirò se mi è riuscita

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati, quindi mi affido alla vostra capacità di essere gentili ed educati :-)
Se lo desiderate, potete anche mandarmi un messaggio privato. L'indirizzo lo trovate in alto a destra, sulla home page