martedì 27 settembre 2011

Strudel senza ricetta



Non ancora a casa, ma di ritorno dall’Alto Adige con il solito carico di mele, patate, vino, pino mugo, ottimi prodotti biologici… 



Insomma tutto il possibile per continuare a sentire il profumo della montagna. Un po’ come la nuvoletta al gusto di mele e cannella che mi ha accolto e avvolto sulla assolata terrazza della Getrum Alm, a 2094 m.; dove, ovviamente, non poteva mancare una bella fetta di strudel!

Non aprirò la spinosa questione se la pasta che avvolge il ripieno di mele sia della famiglia delle sfoglie o delle frolle e mi limiterò a dire che questo era proprio buono e basta. 


In fondo, come succede per il ripieno dei ravioli, ogni massaia ha la sua ricetta, no?

E io la "vera ricetta" dello strudel non la posseggo; infatti non ne ho mai preparato uno! Ma ne ho assaggiati tantissimi…


2 commenti:

  1. Bellissima la foto delle mele! ...e anche quella dello strudel! :D

    RispondiElimina
  2. Grazie mille, Emanuela! Devo dire, però che è stato tutto merito dei soggetti. (Adoro fare foto "bucoliche"... e ne ho fatte oltre 500 in 5 giorni!)

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati, quindi mi affido alla vostra capacità di essere gentili ed educati :-)
Se lo desiderate, potete anche mandarmi un messaggio privato. L'indirizzo lo trovate in alto a destra, sulla home page