venerdì 31 agosto 2012

Un esperimento... spinoso: un chutney di fichi d'india


L'altro ieri una carissima amica, giusto per passare il tempo in attesa della nave che l'avrebbe riportata "in continente", ha pensato bene di riempirsi di spine raccogliendo fichi d'india. E siccome è una vera amica, me ne ha regalati un po' appena prima di correre al porto. 

Io li ho maneggiati con estrema cura sempre avvolti in sacchetti e involucri, poi me li sono fatti sbucciare da un volontario, eppure sono riuscita a trovarmi ugualmente le dita come un puntaspilli! Pazienza! Da un po' avevo in mente di sperimentare un chutney con questi frutti e ho colto l'occasione.


Fichi d'india maturi
cipolle rosse, meglio se di Tropea
zucchero grezzo di canna
aceto di vino rosso
zenzero in polvere
peperoncino in polvere

Pulire accuratamente i fichi d'india, quindi passare la polpa attraverso un setaccio (se qualche semino sfugge non importa!). Pesare la polpa ricavata, quindi mondare altrettante cipolle rosse e tagliarle sottilissime.

Riunire in una casseruola dal fondo spesso. Unire un cucchiaino di zenzero in polvere e mezzo di peperoncino in polvere. 

Quindi unire metà del peso della frutta di zucchero di canna e altrettanto aceto rosso. Mescolare e lasciar macerare un paio d'ore a recipiente coperto. 

Quindi mettere al fuoco dapprima vivace, poi moderatissimo e cuocere circa un'ora. 

La salsa (se volete potete anche passarla con il frullatore a immersione) si può consumare appena si raffredda, oppure va conservata in barattolini lavati con acqua bollente, chiusi immediatamente e fatti raffreddare a testa in giù per creare il sottovuoto.


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati, quindi mi affido alla vostra capacità di essere gentili ed educati :-)
Se lo desiderate, potete anche mandarmi un messaggio privato. L'indirizzo lo trovate in alto a destra, sulla home page