martedì 5 marzo 2013

Ciccioneddos ricotta e speck


Primavera = tempo variabile! Ieri sole, oggi un vento da... sud-ovest, mi pare, tanto forte da portar via anche i pensieri. 

Niente di meglio quindi che andare a far provviste. Ricotta di pecora appena fatta, presa direttamente dalla cooperativa di pastori, vi va bene?



Erbette fresche (io avevo: timo, melissa, erba cipollina)
ciccioneddos di Codrongianos allo zafferano*
speck
ricotta di pecora freschissima
pepe bianco 

Mentre cuociono i ciccioneddos in abbondante acqua salata, tritare le erbette al coltello e metterle in una ciotola, quindi unire la ricotta setacciandola. 

Tagliare a pezzetti molto piccoli lo speck e farlo leggerissimamente tostare a fuoco dolcissimo in una padellina, quindi unirlo alla ricotta con le erbette.
 
Scolare i ciccioneddos, conservare un poco di acqua di cottura. Farli scivolare nella padellina dello speck per recuperare tutto il grasso sciolto, quindi gettare nella ciotola e condire, mantecando con l'acqua conservata. Terminare la preparazione con una macinata di pepe bianco e portare subito in tavola. 
Niente di più semplice e di più veloce (meno di quindici minuti in tutto)!

* Codrongianos è un paese non lontano da Sassari famoso non solo per la splendida Basilica di Saccargia, ma anche per l'abilità delle sue donne nel confezionare minuscoli "gnocchetti" - i ciccioneddos, appunto - tramandata di generazione in generazione. Spesso l'impasto viene arricchito con zafferano.

  





Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati, quindi mi affido alla vostra capacità di essere gentili ed educati :-)
Se lo desiderate, potete anche mandarmi un messaggio privato. L'indirizzo lo trovate in alto a destra, sulla home page