domenica 11 dicembre 2016

2009 – 2016: sette anni nella rete con il conforto di una torta


-->
Cinque mi erano sembrati tanti; sei sono stati un traguardo.
Essere arrivata a sette mi rende felice. Sette anni di blog non sono pochi, sono oltre la media, sono sette anni di ricette e fotografie, di post e consigli. E posso dire di essere invecchiata... ops! cresciuta con un certo stile: il mio.



Un anno fa scrivevo: La ricetta funziona solo se si ha l'accortezza di usare alcuni strumenti fondamentali: coerenza, impegno quotidiano, desiderio di migliorare, passione, studio continuo, gusto per il bello e per il buono, aggiornamento, ricerca sul campo.

I risultati possono non essere immediatamente soddisfacenti; l'importante però è provare e riprovare perché con la pratica ogni ricetta riesce sempre meglio e, soprattutto, cercare un confronto costruttivo e non inutilmente competitivo cercando di imparare da chi ha maggiore esperienza”.

Sono ancora perfettamente d’accordo con me stessa, quindi oggi mi auguro buon compleanno con questa torta che, posso dire con orgoglio, è tutta farina (semola, veramente) del mio sacco. Rustica e spiccatamente autunnale.

Per una tortiera da 20 centimetri

200 g di semola rimacina di grano duro varietà Cappelli
200 g di zucchero di canna grezzo
150 g di yogurt di capra fresco
3 uova medie
50 g di farina di castagne
50 g di nocciole sgusciate, tostate e sbucciate
50 g di burro
50 g di olio extravergine di oliva
30 g di cacao amaro dal commercio equo&solidale
1 bustina di lievito per torte
1 pizzicone di sale



Portare il forno a 180° in modalità non ventilato; imburrare e infarinare una tortiera da 20 centimetri dai bordi alti.

Mescolare le farine con il cacao e il lievito; aggiungere un pizzicone di sale fino.

Sciogliere il burro a bagnomaria, riportarlo a temperatura ambiente, quindi unirlo a olio e yogurt mescolando bene.

Macinare le nocciole precedentemente tostate in modo abbastanza grossolano: ovvero senza ridurle in farina. Io ho utilizzato delle ottime nocciole sarde di Tiana (Nuoro), che ho acquistato intere. Le ho sgusciate (in effetti qualcuno le ha sgusciate per me: grazie, tesoro!), le ho adagiate sulla placca del forno e tostate per meno di dieci minuti a 160°; quindi le ho strofinate con un canovaccio per togliere la pellicina. Ora le conservo in un barattolo a chiusura ermetica.

Rompere le uova in una grande ciotola, aggiungere lo zucchero e lavorare con una frusta elettrica a bassa velocità fino ad avere una massa chiara e spumosa; sollevando la frusta deve scendere un “nastro” di composto, non un “filo”.

Unire la miscela di burro, olio e yogurt e, lavorando ancora con la frusta, amalgamare bene.

Unire le nocciole.

Da questo momento utilizzare una spatola in silicone. Aggiungere la miscela di farine e cacao, setacciandola man mano, un cucchiaio per volta. Lavorare lentamente e ottenere una massa liscia e abbastanza asciutta.

Versare nella tortiera e cuocere per 40 minuti a 180°. Abbassare la temperatura a 150° e cuocere ancora 10 minuti.

Controllare la cottura con uno stecchino, che deve uscire asciutto dal centro della torta. Aprire il forno, attendere ancora dieci minuti, quindi estrarre la torta, sformarla e farla raffreddare direttamente sul piatto di portata. 


2 commenti:

  1. fra un paio di mesi anche per il mio blog saranno 7 anni, auguri al tuo e complimenti, è molto bello !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evvai, Chiara! Siamo quasi gemelline! Grazie mille degli auguri

      Elimina

I commenti non sono moderati, quindi mi affido alla vostra capacità di essere gentili ed educati :-)
Se lo desiderate, potete anche mandarmi un messaggio privato. L'indirizzo lo trovate in alto a destra, sulla home page