venerdì 24 novembre 2017

Ciambelline al Cannonau e semi di papavero



Il percorso di collaborazione tra l’Orata Spensierata e le Cantine 1Sorso della famiglia Bagella di Sorso (Sassari) è arrivato alla sua terza tappa. Le precedenti ricette, pensate per comporre un ideale menù, sono state un primo piatto, Ravioli rosa al Cannonau con coniglio e castagne, e un secondo: il Pollo al vino Cannonau.

Il vino della cantina questa volta è l’ingrediente principale per un dolce, anzi dei dolci: ciambelline al vino. L’idea viene dalle ciambelline tipiche della zona dei Castelli Romani; ma, se per quelle si usa vino bianco, io ho usato vino Cannonau; se per aromatizzare si usano i semi di anice, io ho usato i semi di papavero. Ho poi utilizzato un misto di semola di grano duro e farina di grano tenero e di zucchero di canna e zucchero bianco. L’olio è naturalmente un ottimo extravergine sardo.

Con queste dosi si ottengono circa 40 ciambelline. Se, a un certo punto, vi stufate di mangiarle così al naturale o ve ne dimenticate qualcuna fuori dalla scatola di biscotti e la ritrovate un po’ secca, provate a sbriciolarle. Pressatele bene le briciole sul fondo di una ciotolina e ricopritele con una crema preparata con mascarpone freschissimo, un tuorlo battuto con un cucchiaio di zucchero di canna e un albume montato a neve. Per completare un cucchiaio di sciroppo di vino Cannonau (proporzioni: 1 cucchiaio di zucchero, 1 di acqua e 1 di vino sul fuoco fino a completo scioglimento dello zucchero).



250 g di semola rimacinata fine
250 g di farina di grano tenero tipo 0
50 g di zucchero bianco
50 g di zucchero di canna grezzo + un po’
1 bicchiere da tavola di vino Cannonau + un po’
½ bicchiere di olio extravergine di oliva + un po’
4 cucchiaini da tè di semi di papavero
10 g di lievito in polvere per dolci

Accendere il forno e portarlo a 180° in modalità non-ventilato.

Mescolare, setacciandole, la farina e la semola, aggiungere il lievito e versare tutto in una ciotola capiente, poi aggiungere i due tipi di zucchero e i semi di papavero.



Miscelare vino e olio e versarli pian piano sugli ingredienti secchi. Mescolare dapprima con una forchetta, poi impastare con le mani.
Suddividere l’impasto in 8 parti; con ognuna formare dei salsicciotti dello spessore di un mignolo, tagliarli in segmenti lunghi circa 12, 13 centimetri e poi avvicinare le estremità e unirle, premendo bene perché non si aprano in cottura.

Ricoprire una o più placche da forno con la cartaforno e adagiarvi i biscotti tenendoli leggermente distanziati. In una ciotolina versare un paio di cucchiai di vino e un paio di olio, aggiungere un cucchiaino da tè di zucchero di canna e mescolare fino a che lo zucchero non si sciolga completamente. Spennellare i biscotti con questa miscela e cuocerli per 25 minuti.


Si possono estrarre subito dal forno e metterli a raffreddare su una griglia.



Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati, quindi mi affido alla vostra capacità di essere gentili ed educati :-)
Se lo desiderate, potete anche mandarmi un messaggio privato. L'indirizzo lo trovate in alto a destra, sulla home page