mercoledì 10 maggio 2017

Un piccolo dessert alle fragole

-->
Un dessert di stagione che si prepara praticamente da solo. Pochissimo da fare, se non avere a disposizione pochi – ma buoni – ingredienti. 

Le fragole: che non siano acquose, ma dolci, mature e saporite. La ricotta: che sia di pecora e freschissima. I savoiardi (o biscottos sardi): che siano fatti come si deve, ovvero solo semola, uova e zucchero. L’abbamele (o abbattu): che sia ... beh, questo dev’essere fatto in Sardegna, c’è poco da fare. 
Si tratta di un derivato della lavorazione dei favi e del miele. Dopo aver provveduto alla smielatura (raccolta del miele) i favi vengono immersi in un recipiente con acqua ben calda; la cera residua e il polline affiorano subito e possono essere raccolti. L’acqua calda, con il miele rimasto ormai sciolto, viene filtrata utilizzando dei teli puliti e fatta sobbollire. Mescolando, eliminando accuratamente le eventuali impurità affioranti e aggiungendo a volte scorza d’arancia o di altro agrume, l’abbamele si concentra sempre più prendendo un bel color caramello scuro e una consistenza sciropposa. Il sapore va provato: non è dolce, ma nemmeno amaro (lo so, è vago, ma...) e varia a seconda del miele di partenza. 
Se è miele di cardo o di cisto sembra davvero di sentire sulla lingua l’aria dell’isola.



Per 1 porzione (quindi moltiplicate per quanti amici invitate)

1 savoiardo
8 fragole di medie dimensioni
1 cucchiaio da minestra di ricotta di pecora
1 cucchiaino da tè di abbamele
1 cucchiaino da tè di zucchero di canna
pochissima acqua (circa 1 cucchiaio)

Tagliare il savoiardo in due, pareggiare le estremità e raccogliere le briciole.

Setacciare la ricotta, aggiungere le briciole di biscotto e l’abbamele, lavorare per ottenere una crema. Sistemare la ricotta sulla parte piana di uno dei due mezzi biscotti e chiudere con l’altro “tipo panino”. Riporre al fresco.

Lavare le fragole, mondarle e ridurle a pezzetti, tutte meno una. Raccoglierle in un pentolino antiaderente, aggiungere lo zucchero di canna e l’acqua e cuocere fino a che non saranno disfatte. Setacciarle per ottenere una salsina fluida e liscia e lasciarle raffreddare.



Affettare in modo regolare la fragola rimasta.


Sistemare il panino di savoiardi e ricotta su un piattino, irrorare con la salsina di fragola e completare con la fragola affettata.

Servire subito.




Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati, quindi mi affido alla vostra capacità di essere gentili ed educati :-)
Se lo desiderate, potete anche mandarmi un messaggio privato. L'indirizzo lo trovate in alto a destra, sulla home page