giovedì 22 gennaio 2015

Caffè e biscottini, per tacer del Moscato

-->


Pare che si sia deciso a essere inverno (si fa per dire) anche da queste parti... e uno dei piaceri dell’inverno è ritagliarsi un’oretta in tarda mattinata, invitare a casa un’amica per il caffè e sgranocchiare due biscottini. Se nei biscottini c’è il cioccolato è meglio.
Qui c’è e c’è anche il Moscato di Sorso*.



100 g di semola rimacinata di grano duro Cappelli
100 g di farina
100 g di zucchero grezzo di canna
50 g di strutto
30 g di vino Moscato di Sorso (o altro vino liquoroso o passito)
25 g di cioccolato amaro per dolci
1 tuorlo
½ cucchiaino da caffè di lievito in polvere

Setacciare insieme farina, semola e lievito. Unire lo zucchero.

In una ciotola battere leggermente con una forchetta il tuorlo con il vino dolce.

Sminuzzare il cioccolato utilizzando un coltello pesante.

Riunire tutti gli ingredienti in una ciotola e lavorarli dapprima con una forchetta, poi con le mani fino a ottenere un impasto liscio.

Dividere la massa in tante piccole parti, quindi ricavare delle palline di misura omogenea, appiattirle nel modo più regolare possibile e disporle leggermente distanziate sulla placca del forno rivestita di cartaforno.

Cuocere in forno già caldo a 180° per circa 12/14 minuti.


* per chi ne volesse sapere di più ecco il link alla pagina del sito della Regione Sardegna in cui sono elencate le caratteristiche e le normative per la produzione del Moscato di Sorso-Sennori

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati, quindi mi affido alla vostra capacità di essere gentili ed educati :-)
Se lo desiderate, potete anche mandarmi un messaggio privato. L'indirizzo lo trovate in alto a destra, sulla home page