martedì 21 giugno 2016

Tortine salate con bietole e pomodoro

-->
--> Secondo me le torte salate non bastano mai. Mi piacciono perché, se si ha un po’ di dimestichezza con la tecnica e si conoscono un po’ le caratteristiche degli ingredienti, si può ricavare qualcosa di gustoso praticamente sempre. Non diciamo che piacciono a tutti (non facciamoci illusioni: qualcuno che le detesta esiste), ma che possono risolvere molte situazioni sì. In questo caso la torta salata è declinata in otto piccole torte da confezionare con pochissimi, saporiti ingredienti.

Per 8 tortine

200 g di semola rimacinata di grano duro
4 cucchiai di olio extravergine di oliva
acqua e sale q.b.

150 g di bietole
1/4 di cipolla rossa
3 pomodori secchi
3 cucchiai di passata di pomodoro
20 g circa di pane secco grattugiato al momento
1 cucchiaino di paté d’olive
olio extravergine di oliva

1 pomodoro tipo cuore di bue abbastanza grande d ricavarne 8 fette omogenee

Setacciare la semola direttamente sulla spianatoia e formare la fontana. Aggiungere l’olio, un pizzico di sale e un po’ di acqua a temperatura ambiente. Cominciare a mescolare con una forchetta, quindi lavorare con le mani, aggiungendo pochissima acqua per volta, fino a ottenere una pasta liscia e soda.

Formare una palla e lasciarla riposare sulla spianatoia stessa, coperta da una ciotola, per almeno mezz’ora.

Nel frattempo mondare e lavare le bietole e sminuzzarle. Affettare la cipolla il più sottile possibile. Tritare grossolanamente i pomodori secchi, ben sciacquati dall’eccesso di sale. 

Scaldare un po’ di olio in una padella larga e appassirvi le cipolle; aggiungere le bietole bagnate e i pomodori secchi e cuocere al dente. Allontanare dal fuoco, aggiungere la passata di pomodoro, il pane grattugiato, il paté di olive e, se serve, aggiustare di sale.

Accendere il forno e portarlo a 180°. Spennellare con olio una teglia per muffin con 8 alloggiamenti da circa 8 centimetri di diametro e spolverizzare con la semola.

Riprendere la pasta e stenderla con il matterello. Ricavare 8 forme tonde sufficientemente grandi per coprire il fondo e le pareti degli stampi. Adagiarvele, bucherellare il fondo con una forchetta. 

Con i ritagli di pasta ritagliare delle piccole forme (tonde, a stella, quadrate...) che serviranno come decorazione.

Versare le verdure nei gusci di pasta spingendo un po’ con il cucchiaio. Chiudere ogni tortina con una fetta di pomodoro e aggiungere il ritaglio di pasta.

Cuocere per circa 20 minuti sempre a 180°.

Sfornare, attendere qualche minuto, quindi togliere le tortine dagli stampi. Servire calde, ma non bollenti. Buone anche fredde.





2 commenti:

  1. deliziosa l'idea della monoporzione, fa un figurone a tavola !

    RispondiElimina
  2. Grazie Chiara; sono lieta che ti piaccia l'idea! Sì, tavola tradizionale e buffet. E poi la versione della pasta con semola e olio anziché farina 00 e burro le rende più adatte all'estate.

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati, quindi mi affido alla vostra capacità di essere gentili ed educati :-)
Se lo desiderate, potete anche mandarmi un messaggio privato. L'indirizzo lo trovate in alto a destra, sulla home page