sabato 2 gennaio 2016

Risotto classico ai quattro angoli (dell'isola)

-->

Un periodo festivo che per certi versi è durato fin troppo e per altri è volato. Lo concludo oggi con un risotto tra i più classici (talmente classico che non scrivo nemmeno la ricetta): quello con radicchio, formaggio erborinato e noci, sfumato con spumante.

L’unica particolarità è che tutti, ma proprio tutti, gli ingredienti sono sardi, in riconoscente omaggio a questa isola che, ne sono certissima, anche per il 2016 mi offrirà molto con la generosità e la spontaneità che la contraddistinguono.



Il riso è infatti coltivato a San Vero Milis (Oristano), lo spumante è di una rinomata cantina di Arzachena (Olbia-Tempio), il formaggio erborinato di pecora è prodotto in un caseificio di Thiesi (Sassari), il radicchio viene direttamente dai campi del mio ortolano di fiducia e le noci dai bellissimi alberi di Tiana (Nuoro). Ah, dimenticavo: l’indispensabile pizzico di sale proviene dalle saline di Cagliari e il burro – fondamentale per il risotto – dalle latterie di Arborea (Oristano).

Ops... manca l’Ogliastra! Però posso rimediare questa sera gustandomi una frue (formaggio fresco acido) di latte di capra che viene proprio da quelle zone.

E con questo auguro a tutti il migliore anno bisestile possibile!



Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati, quindi mi affido alla vostra capacità di essere gentili ed educati :-)
Se lo desiderate, potete anche mandarmi un messaggio privato. L'indirizzo lo trovate in alto a destra, sulla home page