lunedì 15 febbraio 2016

Cavolo cappuccio viola con quenelle di polenta



Il cavolo cappuccio stava lì nel frigorifero da diversi giorni, occupando da solo mezzo ripiano con la sua massa viola. Il punto era trovargli un impiego non scontato.

Avevo pensato di fare pasta fresca, magari orecchiette per esercitarmi in vista della loro giornata nazionale (28 febbraio), quindi ho aperto la dispensa in cerca del barattolo della semola, ma ho trovato prima quello della farina di mais per polenta.

Polenta! Poteva anche essere una buona idea, ma il cavolo? Al cavolo il compito di dare colore e sapore.



Per quattro persone, piatto unico

½ cavolo cappuccio viola
250 g di farina di mais per polenta
2 l di acqua
3 spicchi d’aglio
5 acciughe sotto sale
burro
olio extravergine di oliva
vino bianco secco
prezzemolo fresco
sale
pepe

Mondare il cavolo cappuccio, tagliarlo a striscioline sottili, lavarlo molto accuratamente.

In una pentola dal fondo spesso scaldare circa 2 litri di acqua con un pizzicone di sale grosso e una generosa noce di burro. Quando l’acqua inizierà a bollire, gettarvi in un colpo solo la farina di mais e mescolare velocemente con una frusta robusta in modo che non si formino grumi, quindi abbassare il fuoco al minimo e lasciar cuocere la polenta a pentola semicoperta per circa 45 minuti mescolando ogni 5 minuti con un cucchiaio di legno.

Quando la polenta sarà pronta, aggiungere circa un cucchiaio di prezzemolo fresco appena tritato; quindi prenderne una cucchiaiata per volta e, aiutandosi con un secondo cucchiaio, formare delle grosse quenelle (una ventina). Deporle a raffreddare su un foglio di carta forno appoggiato, se possibile, su un piano di marmo.

Nel frattempo, in una casseruola dai bordi piuttosto alti, scaldare due cucchiai di olio extravergine di oliva con una noce di burro, aggiungere tre spicchi d’aglio a fettine e 5 acciughe salate ben sciacquate. Mescolare cercando di spappolare le acciughe e bagnare con un spruzzo di vino bianco secco. Dopo qualche minuto aggiungere il cavolo cappuccio ancora grondante acqua, chiudere con il coperchio e lasciar stufare a fuoco molto dolce per almeno 30 minuti.

Quando le quenelle saranno ben sode e il cavolo cappuccio ben cotto, scaldare un po’ di olio e una noce di burro in un tegame largo e basso; appena inizia a sfrigolare aggiungere una persa di sale e disporre le quenelle una vicina all’altra e farle rosolare rigirandole con una spatola almeno due volte. In ultimo aggiungere pepe appena macinato.

Disporre nei piatti un po’ di cavolo cappuccio e quattro quenelle e servire subito. Tenere le altre in caldo per il “secondo giro”.



3 commenti:

  1. Che colore questo piatto, ed anche buono e sano. Lo cucino anch'io il cavolo rosso ma con la polenta in fetta e accompagnata da formaggio di malga saporito. Qui da noi la polenta si fa nella pentola di rame e si mescola con la canna per circa mezz'ora, poi si rovescia sul tagliere di legno, e si affetta. Le tue quenell insaporite nel burro si presentano benissimo e il sapore darà la differenza alla polenta. Bella la foto.

    RispondiElimina
  2. Anche la mia nonna la cucinava nel paiolo di rame (che conservo ancora)! Quella gialla. I miei bisnonni, invece, facevano quella bianca.

    Il bello della polenta è che si presta a moltissimi abbinamenti. Anche con il pesce. L'hai vista questa mia vecchia ricetta?

    http://orataspensierata.blogspot.it/2011/11/polpi-alla-jole.html

    RispondiElimina
  3. Stamattina ti avevo lasciato un commento, vedo che è andato perso, non capisco. Ho letto la ricetta che mi hai indicato, molto buona, da provare.

    RispondiElimina

I commenti non sono moderati, quindi mi affido alla vostra capacità di essere gentili ed educati :-)
Se lo desiderate, potete anche mandarmi un messaggio privato. L'indirizzo lo trovate in alto a destra, sulla home page