venerdì 27 gennaio 2017

Minestra di ceci neri, verza e pasta



I ceci neri sono piccolini, rugosi, resistenti a ore e ore di ammollo e particolarmente ricchi di ferro. Quelli che si coltivano nei territori di Acquaviva delle Fonti, Cassano delle Murge, Sant’Eramo in Colle e pochi altri comuni limitrofi (tutti in provincia di Bari) sono denominati Ceci neri della Murgia carsica e sono un presidio Slow Food



Ma oltre a questi, i ceci neri compaiono anche negli orti della zona di Matera (che, in effetti, sempre Murgia è) e, ho scoperto, anche in Sardegna. Li produce un’azienda agricola di Samatzai in provincia di Cagliari. Li ho trovati nel mio negozio di alimentari di fiducia: quello di Adelaide e Valentina qui nel centro storico e li ho subito voluti provare.

Subito... beh, ho dovuto ricordarmi di metterli in ammollo con il dovuto anticipo e poi li ho sperimentati in una minestra semplicissima e piuttosto asciutta, per la quale ho utilizzato anche la verza e una pasta grande, piuttosto insolita da mangiare in brodo: la calamarata


2 l di brodo vegetale
350 g di verza mondata
150 g di ceci neri
120 g di pasta grande (calamarata)
½ cipolla bionda
2 spicchi d’aglio
2 coste di sedano
4 pomodori secchi
olio extravergine di oliva
sale



Sciacquare i ceci sotto l’acqua corrente, quindi sistemarli in una ciotola, ricoprirli di acqua fredda e lasciarli a bagno per almeno 12 ore, ma meglio 18.

Scaldare il brodo vegetale già pronto (o prepararlo facendo sobbollire per circa mezz’ora sedano, carota e cipolla in circa 2,5 l di acqua).

Affettare sottilmente la verza e lavarla bene aggiungendo bicarbonato all’acqua. Scolare i ceci dall’acqua dell’ammollo e sciacquarli.

Tritare l’aglio, la cipolla, le coste di sedano e i pomodori secchi; gettarli in una pentola piuttosto capiente e farli scaldare in 5 cucchiai d’olio.

Aggiungere la verza, scolata ma non asciugata, e lasciarla appassire a fuoco dolce mescolando. Unire i ceci e mescolare ancora per qualche minuto; quindi ricoprire di brodo bollente e avviare la cottura. Chiudere la pentola con il coperchio, lasciare la fiamma bassissima e controllare mescolando di tanto in tanto.



Dopo circa un’ora e mezza controllare la cottura dei ceci. Se sono sufficientemente morbidi aggiungere la pasta e, se occorre, ancora un po’ di brodo. Cuocere circa 20 minuti. Se, invece, i ceci, sono ancora troppo duri attendere ancora un po’ prima di gettare la pasta.

Assaggiare sia la pasta, sia i ceci, regolare di sale, allontanare dal fuoco e aggiungere  un cucchiaio d’olio. Lasciar riposare 5 minuti prima di servire.

 

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non sono moderati, quindi mi affido alla vostra capacità di essere gentili ed educati :-)
Se lo desiderate, potete anche mandarmi un messaggio privato. L'indirizzo lo trovate in alto a destra, sulla home page